La pornostar Tera Patrick al lavoro su Saints Row 2

THQ ha rivelato oggi l’entrata nel team di sviluppo di Saints Row 2 della famosa pornostar Tera Patrick e, badate bene, è lei a entrare e non viceversa.La topolona figurerà come “special producer” del gioco, anche se viste le sue doti non ho proprio idea di come possa offrire il proprio contributo alla causa, se

THQ ha rivelato oggi l’entrata nel team di sviluppo di Saints Row 2 della famosa pornostar Tera Patrick e, badate bene, è lei a entrare e non viceversa.

La topolona figurerà come “special producer” del gioco, anche se viste le sue doti non ho proprio idea di come possa offrire il proprio contributo alla causa, se non facendo impennare le vendite (basta giochi di parole!) di Saints Row 2 partecipando a eventi come il Comic-Con di San Diego.

Pornazzi e marketing a parte, vi ricordo che il gioco uscirà il prossimo 14 ottobre per PC, PS3 e Xbox 360.

via | Kotaku

Ti potrebbe interessare
Valve interessata all’Eye Tracking
Pc Ps3 Xbox 360

Valve interessata all’Eye Tracking

Valve si è dichiarata interessa alla tecnologia di “Eye Tracking” (che permette di “tracciare” e quindi seguire gli spostamenti degli occhi degli utenti) e delle sue possibili applicazioni in campo videoludico. Parlando a Gamasutra, Mike Ambinder ha dichiarato:«Una soluzione del genere migliorerebbe l’esperienza dei giocatori e aiuterebbe fortemente anche i giocatori disabili. Il potenziale degli

Blogo Today – applicazione iPad
IPad

Blogo Today – applicazione iPad

Buone nuove per tutti i lettori che ci seguono dal loro iPad: è disponibile l’applicazione Blogo Today per poter accedere in modo estremamente facile e veloce agli articoli del network Blogo.Blogo Today, applicazione completamente gratuita, permette di leggere ogni giorno una selezione di 15-20 notizie tratte dagli oltre 50 blog d’informazione di Blogo, il primo

Australia: protesta degli zombie per sostenere i videogiochi “violenti”
Curiosità Mercato Opinioni

Australia: protesta degli zombie per sostenere i videogiochi “violenti”

Per manifestare tutta la loro contrarietà alla rigorosissima linea adottata dall’ente governativo australiano OFLC (omologo del nostro PEGI) nel classificare i cosiddetti “videogiochi violenti”, diverse centinaia di videogiocatori hanno deciso di inscenare una protesta che ha dell’incredibile: hanno infatti indossato abiti e maschere da zombie, si sono lanciati vicendevolmente addosso qualche simpaticissima secchiata di sangue