One Piece: Pirate Warriors 2 – nuovo trailer in italiano

Disponibile il trailer in italiano di One Piece: Pirate Warriors 2, il nuovo capitolo della serie ispirato al manga di Eiichiro Oda

Namco Bandai e Tecmo Koei hanno pubblicato recentemente il nuovo trailer in italiano di One Piece: Pirate Warriors 2, nuovo episodio ispirato alla serie di manga creata da Eiichiro Oda.

Con questo nuovo video localizzato nella nostra lingua è possibile ammirare tutti i componenti della Ciurma dal Cappello di Paglia ed in particolare vedere in azione le mosse e i colpi speciali di ogni personaggio selezionabile. Con questo secondo episodio sviluppato dal team Omega Force sarà possibile rivivere le avventure di Rufy e compagni nei pressi di Impel Down e di Thriller Bark, i due luoghi che saranno inclusi nel gioco oltre a Skypiea.

Continua dopo la pausa.

Atteso entro l’estate 2013 per PlayStation 3 e PS Vita, One Piece: Pirate Warriors 2 adotterà le meccaniche di gioco in stile Dinasty Warriors già rodate nel primo capitolo della serie e nei diversi giochi prodotti da Namco Bandai e Tecmo Koei, tra i quali i due titoli di Fist of the North Star ispirati al manga di Kenshiro.

Ti potrebbe interessare
Electronic Arts riprova a creare un The Sims Online?
Pc Simulatore

Electronic Arts riprova a creare un The Sims Online?

Electronic Arts potrebbe riprovare ad inserire una modalità online nel futuro della sua saga più famosa, The Sims. E’ quanto afferma un articolo del Times Online, nel quale si apprende come EA possa fare un altro tentativo, nonostante in passato sia andata decisamente male. Sembra però che la modalità multiplayer non vedrà la luce già

Clock Tower nelle grinfie di Hollywood
Varie

Clock Tower nelle grinfie di Hollywood

Dopo Doom, Silent Hill, Bloodrayne e tanti altri, non restano più molte licenze libere per i produttori holliwoodiani che vogliono cavalcare la moda delle pellicole sui videogiochi…Ed ecco che si vanno a cercare anche titoli non poi così famosi. Il gioco che è stato scelto per quello che speriamo non sia l’ennesimo spreco di pellicola