Prime immagini per Midnight Club: Los Angeles

Rockstar San Diego ha rilasciato nuove immagini per Midnight Club: Los Angeles, quarto capitolo della più o meno famosa serie di guida arcade ambientata nel mondo delle corse clandestine, in arrivo su PS3 e X360. Come dice lo stesso titolo, nel gioco sarà a disposizione una gran parte della città di Los Angeles, divisa in



Rockstar San Diego ha rilasciato nuove immagini per Midnight Club: Los Angeles, quarto capitolo della più o meno famosa serie di guida arcade ambientata nel mondo delle corse clandestine, in arrivo su PS3 e X360.

Come dice lo stesso titolo, nel gioco sarà a disposizione una gran parte della città di Los Angeles, divisa in numerosi circuiti o, in particolari modalità, esplorabile in lungo e in largo senza limitazioni. Gli sviluppatori sostengono che questo nuovo ambiente sarà tre volte più grande di quello visto in Midnight Club 3: DUB Edition.

Personalmente questa serie mi ha sempre lasciato fortemente perplesso (parlando eufemisticamente). Le immagine sembrano buone, ma aspettiamo un demo prima di trarre le prime conclusioni.

Midnight Club: Los Angeles
Midnight Club: Los Angeles
Midnight Club: Los Angeles
Midnight Club: Los Angeles
Midnight Club: Los Angeles
Midnight Club: Los Angeles

Ti potrebbe interessare
Crash Time: demo disponibile per Xbox 360
Brevi Demo Guida

Crash Time: demo disponibile per Xbox 360

Se avete seguito la famosa (?) serie televisiva Squadra Speciale Cobra 11 in onda su Rai Due, saprete già cosa vi aspetta in questa demo di Crash Time, realizzata da Synetic ed RTL, disponibile su Marketplace europeo e del peso di 406MB. Per chi invece non l’avesse mai visto, mi limito a dire che il

Peter Moore è deluso dal ritardo di Home
Ps3 Varie

Peter Moore è deluso dal ritardo di Home

Peter Moore, ex capo del progetto Xbox ora presidente di EA Sports, si dichiara deluso dai continui rinvii di Home, la piattaforma di social networking “simil Second Life” che Sony integrerà nel PlayStation Network. «Vorrei che Home uscisse oggi stesso» ha detto Moore, «mi piacerebbe girovagare un po’ per quel mondo virtuale. Phil Harrison mi