Angry Birds Pokémon: il mashup in un finto trailer

Angry Birds Pokémon si mostra in un (finto) trailer.

E se in Angry Birds al posto dei famosi uccelli ci fossero i Pokémon? La risposta a questa domanda arriva da Angry Birds Pokémon, mashup tra i videogiochi sopra citati realizzato da Adrian Jensen, che ha pubblicato il frutto del suo lavoro in un video su YouTube.

Il filmato ci mostra nel dettaglio un finto trailer di gameplay, all’interno del quale i Pokémon e le loro speciali abilità si sostituiscono ai protagonisti di Angry Birds, con tutte le immaginabili conseguenze del caso.

Non ci meraviglieremmo se qualcuno dovesse veramente volere un prodotto del genere, e chissà che non arrivi prima o poi: dopo aver visto Angry Birds Star Wars, infatti, il team Rovio potrebbe decidere di avviare nuove collaborazioni con altre proprietà intellettuali. Nel caso dei Pokémon, farebbe sicuramente centro.

Via | Kotaku.com

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
Ti potrebbe interessare
Classifiche hardware e software Italia 07-13/04
Action Adventure Guida

Classifiche hardware e software Italia 07-13/04

Nuovo aggiornamento delle classifiche hardware e software del mercato videoludico italiano, come al solito fornite da Multiplayer.it in collaborazione con Nielsen: come al solito, i dati forniti sono relativi all’analisi effettuata sui principali canali di distribuzione nazionali. Nella classifica software multiformato conquista la prima posizione Mario Kart Wii, seguito dal primo piazzato della settimana precedente

Castelvania: Curse of Darkness
Adventure Segnalazioni

Castelvania: Curse of Darkness

Secondo e ultimo gioco Ps2 basato sulla saga di Castelvania, Curse of Darkness dovrebbe segnare secondo le prime notizie un cambiamento rispetto al precedente (e abbastanza mediocre) Lament of Innocence. Maggiori elementi RPG, soprattutto. Quello che per ora vedo é un buon livello delle texture dei personaggi e un’interfaccia profondamente retrò a base di pixel.