PlayStation 4: nome in codice “Orbis”, no a retrocompatibilità e usato?

Leggi su Gamesblog le ultime voci di corridoio su PlayStation 4 trapelate attraverso una fonte anonima.


Prima di PlayStation 4, il nome della propria console potrebbe essere Orbis. O almeno quello datole in codice dall’azienda nipponica: lo riporta Kotaku, dove si parla anche di ulteriori dettagli della prossima PlayStation casalinga, destinata ad arrivare sul mercato a fine 2013.

Secondo la fonte citata dal sito, come al solito anonima e ritenuta affidabile per aver fornito “informazioni corrette” in passato, Orbis avrà una CPU AMD X64 con GPU AMD Southern Islands, in grado di raggiungere la risoluzione di 4096×2160 pixel, con giochi 3D invece a 1080p. A quanto pare, dev kit sarebbero già stati forniti a “sviluppatori selezionati”, con una beta dello stesso kit di sviluppo attesa per la fine del 2012.

Ma ciò che è più interessante a proposito di Orbis riguarda i suoi dettagli funzionali: a quanto pare, non sarà retrocompatibile con PS3, limitando anche l’uso di giochi usati legando le copie vendute ai singoli account PSN che le acquistano. I giochi usati non saranno comunque inutilizzabili: sarà infatti disponibile una specie di demo, che dovrà poi essere sbloccata col pagamento di un extra nel modello dell’ormai famoso Online Pass.

Ovviamente tutti i dettagli restano per ora da prendere con le molle, anche se all’indirizzo Orbis.SCEDev.net qualcosa sembra bollire in pentola, vista l’analogia con NGP.SCEdevnet.com: Sony per ora non ha commentato, ma non mancheremo di aggiornarvi in caso di sviluppi.

Ti potrebbe interessare
Dieci milioni di PlayStation in Italia
Mercato Ps3

Dieci milioni di PlayStation in Italia

Le PlayStation in Italia hanno superato quota 10 milioni. A renderlo noto è la stessa Sony tramite un comunicato ufficiale. La cifra comprende tutte le console con marchio “PlayStation”, a partire dalla prima PSOne commercializzata nel 1995, passando per PlayStation 2 e PSP, fino ad arrivare a PlayStation 3.«Questo risultato – ha spiegato Gaetano Ruvolo,