Kingdom Hearts: interessanti retroscena sullo sviluppo


In un'intervista rilasciata a Famitsu, il creatore di Kingdom Hearts, Tetsuya Nomura, ha rivelato alcuni interessanti segreti sulla storia dietro alla saga. Tanto per cominciare, il cast presente nel gioco è nato da un disaccordo tra Square e Disney:


Square voleva che il protagonista fosse Topolino, mentre Disney voleva un titolo su Paperino. Si è giunti ad un compromesso: un gioco con tutti i personaggi, senza focalizzarsi su nessuno in particolare.

Si scopre anche che il Keyblade, l'arma che viene utilizzata dal protagonista della serie, in origine aveva tutt'altro aspetto: vediamolo dopo la pausa.

In realtà, la prima arma che ho mostrato a Disney era una motosega. Hanno reagito come del resto ci si sarebbe dovuto aspettare all'idea di una motosega in un gioco con Topolino e Paperino: hanno fatto tutti una faccia corrucciata e nessuno ha detto una parola in tutta la stanza. Ho pensato "no, credo che questo non vada bene, eh?"

Il risultato è quello che conosciamo tutti: nonostante un'accozzaglia di personaggi provenienti da svariate opere ed un'altissima probabilità che venisse fuori qualcosa di osceno e senza senso, Kingdom Hearts si è rivelato un capolavoro che rimarrà per sempre nella storia dei videogames. A quando il III?

via | 1UP

  • shares
  • Mail
44 commenti Aggiorna
Ordina: